I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


6038255

Nola, l'amministrazione Minieri è già in crisi: spaccatura tra sindaco e maggioranza sulla composizione della giunta


Nola - Partenza incerta per la nuova giunta Minieri. A sorpresa, nonostante un documento sottoscritto dalle liste di maggioranza, il nuovo esecutivo, presentato nel corso del primo Consiglio comunal, è totalmente slegato dalle indicazioni delle liste di maggioranza. Alla fine, dopo oltre quindici giorni di "conclave", passa la linea della cosiddetta "Giunta del sindaco" Una soluzione che però ha creato fortissimi  malumori tra le forze civiche di governo  che  a poche ore dal primo Consiglio, si sono ritrovate le " carte" sul tavolo completamente sparigliate. "Un colpo a sorpresa" inatteso e non digerito che rischia di innescare la prima crisi politica a solo pochi giorni dalla partenza ufficiale della nuova esperienza amministrativa. Significativo, in tal senso, è stato l'abbandono, prima del termine, di alcuni consiglieri comunali. Vero è che l' attuale assetto della giunta è a tempo. Nei prossimi mesi, ci sarà, probabilmente, una rivisitazione più in chiave politica. È possibile, dunque, che il sindaco Minieri con questa scelta abbia voluto dare un chiaro segnale di discontinuità rispetto al passato. " Ed allora - affermano molti tra i consiglieri di maggioranza- perché trattenerci quindici giorni impegnati in trattative estenuanti? Perché sottoscrivere un documento la sera per vederlo disatteso la mattina?" 
Vedremo nei prossimi giorni se questo malessere rientrerà oppure esploderà in maniera drammatica. Al momento, però,la frattura appare molto profonda e difficile da risanare 
Nel frattempo, all' appello mancano ancora due assessori, in particolare alla Cultura e all ' Ambiente. Queste  deleghe, al momento, restano nelle mani del sindaco. Quelle assegnate sono le seguenti: Bilancio, Francesco Antonio Galasso, Politiche sociali, Monica Zimmaro, Annona, Elvira Caccavale, Affari generali, Ruggiero Iovino, Lavori pubblici, Giuseppe Iazzetta. 
 
“Non ho mai pensato di voler disattendere il mandato che mi è stato dato dalla mia città – afferma Minieri – le mie dichiarazioni fornite ad alcune testate sono state fraintese, se non addirittura strumentalizzate”.
“Sicuramente – continua il sindaco - se non avessi più la fiducia incondizionata o della mia maggioranza o della città nel garantire il progetto di rilancio della nostra Nola, non avrei nessun problema a fare un passo indietro”. Il sindaco specifica: “Non andrò mai a cercare appoggi o stampelle in Consiglio, il voto dei nolani è stato chiaro e netto, e va rispettato, esiste una sola maggioranza ed è quella che è stata scelta dalla città il 26 maggio ed il 9 giugno”.
Il primo cittadino ribadisce la bontà delle scelte da lui operate in fase di composizione della Giunta, ieri nominata all’interno del Consiglio Comunale: “La Giunta che ho presentato ieri alla città è uno dei tasselli fondamentali del progetto di rilancio, condiviso sin dall’inizio da me e dalla coalizione che mi ha sostenuto in campagna elettorale. Abbiamo messo le giuste competenze nei posti giusti, a partire dall’Assessorato al Bilancio: non si può immaginare nessuna agibilità tecnica o politica fino a quando non verrà operata una seria ricostruzione delle finanze dell’Ente, e sono certo che il dottor Galasso (il nuovo Assessore al Bilancio, ndr) saprà agire con decisione e risolutezza”.
 

Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia