I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale



4979651

Nola, primo giorno di scuola: nei mesi estivi l'amministrazione ha sviluppato un piano di manutenzione degli istituti. Confermato il fondo di dotazione per i dirigenti scolastici per i piccoli interventi


Nola – Anche all’ombra dei Gigli inizia il nuovo anno scolastico. Una ripartenza non priva di problemi viste le avverse condizioni atmosferiche che hanno reso molto complicato raggiungere gli istituti ma che nulla ha tolto al fascino del “primo giorno”

 

Ed al risuonare della fatidica campanella anche l’amministrazione comunale ha voluto essere pronta consegnando a docenti e alunni strutture al meglio della loro funzionalità. Nel corso di questi mesi estivi è stato portato avanti un attento programma di manutenzione degli istituti scolastici di competenza comunale.

 

Ad essere realizzate sono state alcune aule per la scuola media statale “Giordano Bruno” di via Puccini. Altri lavori di riqualificazione manutenzione sono stati svolti nei plessi scolastici della frazione Polvica, mentre sono stati appaltati gli interventi di impermealizzazione nelle strutture scolastiche dell’altra frazione, Piazzolla. Inoltre, ad essere rinnovato da parte dell’amministrazione è stato anche il fondo istituito ad hoc per le piccole manutenzioni a cui le scuole possono accedere direttamente. Una misura che già lo scorso anno ha riscosso un grande successo semplificando di molto le procedure.

 

Discorso a parte merita la scuola di via San Massimo i cui lavori non sono stati ancora completati. Ma la storia di quello che doveva rappresentare un nuovo plesso scolastico per le elementari è stata caratterizzata da non poche difficoltà che l’hanno segnata negli anni. Oltre tre anni fa, l’amministrazione comunale si è trovata nelle condizioni di dover operare una scelta rispetto alle opere da portare avanti, visti gli stringenti limiti dettati dal famigerato patto di stabilità che impone, come è noto, tetti di spesa molto rigidi.

 

Così si è pensato di completare la struttura attingendo risorse da linee di finanziamento esterne, per non gravare sul bilancio comunale con i cui fondi si stava realizzando la scuola. Due quelle intercettate: una di natura regionale, relativa alla realizzazione di un nuovo asilo nido comunale, l’altra destinata all’Ambito Napoli 11 di cui Nola fa parte e finalizzata alla realizzazione di un centro polifunzionale.

I due finanziamenti naturalmente hanno avuto come conseguenza la variazione del progetto originale. Dunque non sarà più costruita una nuova scuola elementare quanto piuttosto un asilo nido comunale ed un centro polifunzionale. Tramonta così anche l’ipotesi paventata in passato di spostare il plesso Ciccone presso la nuova struttura. La scelta di destinare, qualche anno fa, la realizzanda struttura ad asilo risponde ad una scelta precisa di potenziare l’offerta relativa alla scuola dell’ infanzia, vista la pressante domanda. L’unico asilo presente in città, quello di via Seminario, infatti, non sempre riesce a soddisfare tutte le richieste. Per il completamento del piano superiore, quello destinato a centro polifunzionale bisognerà attendere l’esito dello specifico bando. Nel frattempo, si attende con fiducia che i prossimi mesi siano davvero decisivi per il taglio del nastro del nuovo asilo. L’intervento dovrebbe terminare entro fine anno. 

Ricerca / Colonna destra

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia