I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


5471373

Casamarciano, sul sito istituzionale varata una sezione per la cura e la tutela dei cani


Casamarciano - Il Comune di Casamarciano inaugura il suo “Chi l’ha visto?” dedicato esclusivamente ai cani: sul suo sito informatico da oggi sono visionabili denunce di scomparsa o richieste di adozione di cagnolini che si trovano sul territorio. L’idea, promossa dall’assessore alla Sanità Francesco Buono, si inserisce nel solco delle iniziative a tutela dei quattro zampe. Dopo avere varato il ‘patentino’ per i proprietari di cani ed avviato la microchippatura gratuita, l’ente dedica agli animali amici dell’uomo anche una sezione ad hoc del suo portale on line. Sul sito del Comune (http://wwwcomune.casamarciano.na.it) è da oggi possibile accedere ad una finestra interamente dedicata al “Servizio di promozione e tutela della salute degli animali”. Una pagina in cui si forniscono dettagliate informazioni sul mondo animale,  sulla legislazione vigente, i numeri utili per curarli ed assisterli, le informazioni sui rischi, sulle vacanze accessibili agli animali e sulle strutture ricettive. Ma non solo. Una delle aree più innovative del portale dà la possibilità ai cittadini di utilizzare direttamente il sito del Comune per denunciare la scomparsa del proprio Fido o per segnalare la presenza di un animale smarrito o proporne l’adozione.  
Siamo il Comune pioniere rispetto al progetto di tutela degli animali nell’area nolana- spiega l’assessore Francesco Buono-Finora abbiamo realizzato l’anagrafe canina e la microchippatura gratuita, prossimamente verrà completato un regolamento comunale. Nel frattempo è nata questa sezione ‘virtuale’ per cercare di fornire un servizio a tutti i proprietari di animali o a coloro che volessero diventarlo. Un’idea che si unisce a quelle già varate, per poter anche garantire ai nostri concittadini un territorio più salubre e sicuro”.

Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia