I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


5519905

Festa dei Gigli 2019: presentate 39 domande


Nola – Sono 39 le richieste di concessione dei Gigli e della Barca per il 2019. Si sono chiusi ieri a mezzogiorno i termini per la presentazione dell’istanza: i plichi delle domande saranno aperti alle 12.30 di lunedì prossimo presso la sala consiliare del Comune di Nola.

Come da tradizione consolidata la millenaria tradizione viaggia su due dimensioni: quella dell’edizione in corso, e quella dell’anno prossimo. L’assegnazione si svolgerà, dopo l’istruttoria, a mezzanotte del giorno stesso della “Ballata”, quest’anno fissata il 24 giugno ribadendo la ciclicità di una Festa che si rinnova dalla sue stesse “ceneri” in un moto “perpetuo”.

Le richieste vengono avanzate per ciascuna corporazione. A concorrere, stando ai dati assunti dal Comando di Polizia municipale, saranno cinque istanze per l’Ortolano, quattro per il Salumiere, tre per il Bettoliere, cinque per il Panettiere, tre per la Barca, una per il Beccaio, otto per il Calzolaio, sette per il Fabbro, tre per il Sarto.

Essere concessionario di una macchina da festa, è il sogno di ogni nolano. Quello dell’assegnazione rappresenta uno dei momenti topici della tradizione, un’ investitura ufficiale in cui l’assegnatario, il cosiddetto maestro di festa, avrà l’onere e l’onore di essere continuatore di un rito ormai millenario, rinnovando lo speciale rapporto di devozione tra la comunità nolana e San Paolino.

Nel frattempo, la macchina organizzativa è pienamente lanciata. I cantieri dei Gigli sono già attivi con le maestranze impegnate a completare gli obelischi, chiamati al primo test del prossimo fine settimane, quello del 16 e 17 giugno, quando è prevista l’esibizione dei Gigli spogliati. Intanto il cartellone degli eventi prevede per oggi e domani la manifestazione del Corteo storico, promosso dalla Fag. Si tratta di un appuntamento consolidato che riporta la città ai tempi della signoria degli Orsini, siamo agli albori del Rinascimento, quando la stessa visse un grande stagione di ricchezza d’arte e di cultura così come documentato nel suo “De Nola” dall’umanista Ambrogio Leone. Per questa sera nell’area del Parco archeologico è previsto il mercato medioevale, mentre per domani sera il corteo in abiti d’epoca. Altro aspetto importante sarà senza dubbio quello legato alla sicurezza.

 

Ricerca / Colonna destra


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia