I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


5568993

Nola, Chiesa dei S. Apostoli: si conclude con grande successo la mostra “Picasso e le sue Muse


Nola - Sono stati 3455 i biglietti venduti alla mostra “Picasso e le sue Muse”: un nuovo traguardo è stato tagliato per Nola, in costante crescita di eventi a carattere socio-culturale. La mostra si è tenuta dal 2 marzo al 28 aprile 2018 nella Chiesa dei S. Apostoli e, per sostenere la cultura cittadina, è costata solo 1 euro.

“Picasso e le sue Muse” si è concentrata sul legame che il genio del Cubismo aveva con le due donne che hanno contribuito alla sua formazione, ma che a loro volta sono state artiste di talento. Nella mostra, infatti, le opere grafiche di Picasso sono state affiancate dai lavori delle “muse ispiratrici”: Dora Maar (1907 - 1997), compagna e modella dell’artista per nove anni, la quale aveva documentato con le sue fotografie la composizione di “Guernica”, e Françoise Gilot (1921) che subito prende il posto di Dora, giovane pittrice.

In esposizione sono state presenti 62 opere grafiche di Pablo Picasso, con due importanti serie complete: 31 incisioni a bulino di “Carmen” (1949), e 31 incisioni all’acquaforte, all’acquatinta puntasecca e bulino di “Corps Perdu” (1950). In mostra inoltre, due disegni, quattro opere grafiche (“Sol de la montagne”) e la serie “Le Temps Déborde”, eseguite da Dora Maar. Della giovane pittrice Françoise Gilot, d’altro canto, erano esposte due serie litografiche complete: “Pages d’amour” e “Tout dire”, entrambe datate nel 1951.

Grande risalto all’abito che lo stilista Gianni Molaro ha scelto per l’evento: è ispirato alla “Guernica” e ha dimostrato il concetto di ‘Art Couture’, ossia la moda messa al centro dell’arte. La mostra ha ospitato, infine, una documentazione fotografica di rilievo: si tratta di alcuni scatti della vita quotidiana di Picasso, eseguiti dal fotografo Robert Capa.

Molto attiva è stata la partecipazione cittadina, proveniente non solo da Nola ma anche da tutto l’agro nolano e da altri territori campani. La scelta ricaduta su tale pittore è stata vincente, in quanto i visitatori sono stati sia adulti che studenti di tutti i tipi di scuole (presenti anche coloro che hanno partecipato all’ultima edizione del “Certamen Bruniano”). Per i più piccoli, in particolar modo, sono stati allestiti dei laboratori dove hanno disegnato le opere di Picasso, affinché si avvicinassero alla sua figura.

Importanti figure di prestigio sono intervenute alla prima della mostra: il Sindaco di Nola, l’Avv. Geremia Biancardi; l’Assessore alla Cultura di Nola, l’Arch. Cinzia Trinchese; il Vescovo della Diocesi di Nola, Francesco Marino e il vicepresidente della Camera dei deputati Mara Carfagna. Nel corso delle settimane, degne di nota anche le nobili presenze di: Mauro Felicori, direttore generale della Reggia di Caserta, e Margareth Madè, tra le attrici italiane più in voga degli ultimi anni.

A cura di “Paloma s.r.l.s”, si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito al successo della mostra: il Comune di Nola e l’Assessorato ai Beni Culturali per l’Organizzazione, l’Arch. Cinzia Trinchese in qualità di Responsabile del Progetto, Carmen Fusco e Autilia Napolitano per l’Ufficio Stampa, Costanza Raffaele per la Produzione, Marco Alfano nelle vesti di Curatore della Mostra, Arti Grafiche <<G. Scala>> per la Progettazione Grafica e la Stampa, e l’Associazione Meridies per le Visite Guidate e i Laboratori Didattici. Per la preziosa collaborazione, ci si congratula con: l’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Nola, la Dott.ssa Antonia Solpietro, lo stilista Gianni Molaro e lo storico dell’arte, il Dott. Francesco Dragoni.

 

di Nicola Compagnone

 

Ricerca / Colonna destra

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia