I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


5680040

Nola, gli “Studenti Ciceroni” della “Merliano – Tansillo” conquistano il Museo diocesano


Nola - Grande riscontro di pubblico la scorsa domenica 25 febbraio al Museo diocesano, sito in vico Duomo n°9, per l’evento “Noi … Giovani Ciceroni della Nostra Terra” organizzato dalla scuola secondaria di 1°grado “G. Merliano – L. Tansillo”, con la partecipazione straordinaria della scuola media statale di Marigliano “Dante Alighieri”, i cui alunni sono stati dei “piccoli Ciceroni” per un giorno, a sostegno dell’arte e del territorio.

Il progetto “Studenti Ciceroni”, organizzato dall’”Archeoclub di Nola - Luigi Vecchione” e a cura della Dott.ssa Antonia Solpietro, ha voluto stimolare negli studenti il senso civico e l’attenzione verso i temi della cultura e dell’archeologia territoriale. A loro, dunque, è stato richiesto di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale della città. Grazie alla collaborazione con l’associazione, i ragazzi hanno potuto conoscere i beni archeologici della città e hanno potuto poi fare da “Ciceroni”, illustrandoli dettagliatamente ad altri studenti e a persone di tutte le età.

I giovani alunni erano distribuiti, a gruppi di due o tre, nelle quattro zone del Museo (Ingresso – Salone dei Medaglioni e Sale Piano Terra) per le 11 sezioni, divise a loro volta in: Accoglienza, Sculture in legno, Documenti, Sculture in marmo, Cristoforo Scacco, Cappella Immacolata 1, Cappella Immacolata 2, Busti Patroni, Argenti 1, Argenti 2 e Sala Dipinti. Ogni persona accorsa a visitare la mostra speciale ha potuto, di conseguenza, compilare un questionario di gradimento, all’interno del quale ha valutato lo “studente-Cicerone” preferito di quella sezione in base alla chiarezza e alla completezza di trattazione delle opere spiegate. Gli studenti più votati vinceranno, poi, dei premi a carattere culturale in palio.

L’iniziativa promossa dalle due scuole medie dell’agro nolano, indipendentemente dagli alunni vincitori, è riuscita sotto ogni punto di vista: la scuola e la cultura del territorio natale è stato un perfetto connubio in cui gli studenti sono stati orgogliosamente coinvolti nell’autentica carica di “Ciceroni”. Questo li ha resi forti di responsabilità e di interesse, ingredienti fondamentali per diventare gli uomini del domani … non dimenticandosi, però, delle proprie “nobili” e “invidiate” origini nolane!

 

di Nicola Compagnone

Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia