I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale


5519845

Nola, in arrivo la nuova rassegna teatrale all’associazione culturale “La Festa Dei Folli”


Nola - Manca sempre meno all’inizio della nuova stagione teatrale, la 18° per l’esattezza, targata “La Festa Dei Folli”, l’associazione culturale nolana sita in via Principe di Napoli n.89. Per quest’anno, la rassegna è intitolata “Visioni: l’affermazione di una tremenda e del resto ineluttabile necessità”.I cinque spettacoli hanno come comune denominatore la messa in scena di giovedì sera, tra marzo e aprile, dalle 20.30e il tema de “la donna”, secondo varie sfaccettature.

Si parte il 1 marzo con “Il mestiere più antico del mondo” di Gabriella Pacini, con Laura Nardi e per la regia di ArmandioPinheiro. Questa sarà la prima e l’unica data in Campania. Dal titolo si può pensare che ci si riferisca alla prostituzione, invece è il mestiere dell’ostetrica ad avere la supremazia. La protagonista è l’ostetrica Anna, che fa questo lavoro da 25 anni. Ella sta a contatto tutti i giorni con le partorienti, ma non ha mai avuto un figlio perché non si è mai voluta mettere su quel lettino. “Il mestiere più antico del mondo” non è solo uno spettacolo contro la violenza nel parto, ma contro la violenza sulla donna, nel momento in cui essa è più indifesa e spaventata.

L’8 marzo si terrà il secondo spettacolo, “Ecce Virgo”, con Francesca Rondinella e Gianni Lamagna, e per la drammaturgia e la regia di Angela Di Maso.La storia tratta di una monaca di clausura che ha una grave colpa da confessare e vorrebbe essere assolta, o meglio compresa e accettata. Ha paura di andare fuori dal mondo conventuale, in quanto paradossalmente la libertà è la condizione che le spaventa di più. È un racconto ordinario, in cui risiede un male che dalla notte dei tempi ad oggi è ancora di grande attualità, di denuncia e di scandalosa vergogna.

Il giovedì successivo, il 15, ci sarà lo spettacolo “Eros PerVersi”, che farà capolino in Campania per la prima volta, di e con Serena Gatti e Raffaele Natale. Esso incarna l’ebbrezza dell’“eros” attraverso musica, poesia erotica e vino. La performance è composta da 9 movimenti ispirati ognuno a un tema erotico, con l’invito ad apprezzare e a godere di fronte al corpo amato.Da sempre l’“eros” è evocato con parole di intensa bellezza e la scelta dei brani va dal VII sec. a.C. ai poeti contemporanei, infatti tra i versi scelti ci sono quelli diSaffo, Nerudae Baudelaire.

Per il quarto appuntamento, bisogna aspettare il 12 aprile con “RedFrida”: un viaggio nei colori dell’anima della pittrice Frida Kahlo. L’attrice protagonista sarà Emiliana Bassolino, con Giovanna Marziano come performer in video, e con regista Ciro Pellegrino. Attraverso un susseguirsi di confessioni e di ricordi pieni d’amore e disperazione, si colgono in scena gli ultimi momenti di vita di Frida. Quest’ultima ha fatto della sua esistenza una rivoluzione contro un destino di morte e solitudine, ergo depone le armi: la stanchezza ha vinto la guerra.

La rassegna si chiuderà il 19 aprile con “’A rota”, i cui protagonisti sono Marianita Carfora e Inaua Coeli Linhart e la cui drammaturgia e regia è affidata a Ramona Tripodi. La scena è ambientata a Napoli nel 1946 e la protagonista è “Telluccia” (diminutivo di Annunziata), la quale ha vissuto le due guerre mondiali e, quindi, ha passato la sua vita a sopravvivere. Ella, inoltre, dalla basilica dell’Annunziata Maggiore non vuole mai uscire, visto che si affida alla Madonna per ricevere la grazia e la salvezza. Così sarà coinvolta in una storia, a metà tra il miracolo e la leggenda, di cui si vocifera nel rione Forcella: le scarpe della statua della Madonna dell’Annunziata che “si consumano” di notte. Come ne uscirà “Telluccia”?

Ecco i contatti per tutte le info e prenotazioni: telefono 0818234046 e mobile 33854844600; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; sito web: www.lafestadeifollinola.wordpress.com.

 

di Nicola Compagnone

 

Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia