I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale



4979652

Casamarciano: la chiesa di Santa Maria del Plesco riaperta ai visitatori


Casamarciano -  La chiesa di Santa Maria del Plesco riapre ai visitatori. Dopo la riconsegna ai cittadini lo scorso 14 luglio, in occasione della presentazione della VII edizione del festival nazionale del teatro “Scenari Casamarciano”, il gioiello di architettura religiosa torna a vivere e diventa meta per il turismo in area nolana. Sabato un primo gruppo di visitatori provenienti da Cava de’ Tirreni ha potuto ammirare il prezioso elemento del patrimonio culturale e artistico locale, un edificio restituito alla collettività dopo 50 anni di oblio e incuria. Annessa al monastero fondato nell’anno Mille e rifatta nel 1500 su disegno di Domenico Fontana, poi restaurata nel 1700, la chiesa era ricca  di marmi, stucchi e dipinti, alcuni dei quali oggi sono conservati al museo di Capodimonte,  con un prezioso coro settecentesco. Per un periodo lunghissimo ha subito continue spoliazioni ma la bellezza dell’interno con la sua unica navata circondata da una architettura suggestiva è intatta. Oggi, grazie ad un accordo di comodato d’uso della durata di 99 anni, l’amministrazione comunale l’ha riaperta affinché possa divenire una tappa nel percorso delle bellezze del Nolano e, in futuro, centro per lo sviluppo culturale della zona. La prima riapertura ufficiale è stata possibile anche grazie all’associazione “Sentieri e Cultura” che l’ha inserita nell’itinerario di riscoperta di alcuni luoghi simbolo del territorio e con il supporto del gruppo archeologico Oreale e della Proloco Hyria.
“Un primo importante passo per ritornare a rivivere in pieno e per sempre quella che è ormai diventata il simbolo di Casamarciano- dichiara l’assessore alla Cultura Carmela De Stefano- La chiesa di Santa Maria del Plesco deve rivivere e diventare la base di un progetto culturale dell’intero Nolano. Siamo felici che ora sia accessibile da parte dei turisti che potranno conoscere un pezzo unico ed importante della nostra storia”.
 
Ricerca / Colonna destra

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia