I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei  cookie.

Contenuto Principale
Nola, Nello Savoia (Fdi)

Nola, Nello Savoia (Fdi) "Manganiello non sarà mai il nostro candidato"

Nola - Fratelli di Italia chiude la partita. “Manganiello non sarà mai il nostro candidato. Non...

Nola, torna l'ombra del dissesto finanziario al Comune

Nola, torna l'ombra del dissesto finanziario al Comune

Nola – La Commissione prefettizia ha sospeso l’assunzione di alcuni dirigenti per mobilità...

  • Nola, approvato lo schema di Consuntivo 2017. Accertato un debito di 33 milioni, ma non c'è il...

  • Nasce, "Nola 801": progetto socio - culturale, ma anche politico. Michele Ciniglio "La politica...

  • Nola, Nello Savoia (Fdi) "Manganiello non sarà mai il nostro candidato"

  • Nola, torna l'ombra del dissesto finanziario al Comune



5601768

San Paolo Bel Sito, fischio di inizio per la “Partita dell’amore” a sostegno dei bambini “sperduti


San Paolo Bel Sito - Sabato 28 ottobre presso lo stadio di San Paolo Bel Sito alle 9:30 si svolgerà la “Partita dell'Amore”a sostegno dei bambini “sperduti”. Si sfideranno due squadre di bambini, la Scuola Calcio A.S.D. Belsito Soccer e la Scuola di Calcio Sportland Nola, mentre per gli adulti la squadra Architetti di Napoli A.S.D. e la squadra Rappresentativa Locale. L'evento organizzato dall'Arci Caccia col patrocinio dell'Unicef Comitato Regionale e dal Comune di San Paolo Bel Sito. All'inizio verrà cantato l'Inno Nazionale dai bambini del “Coro dell'Amicizia” di Liveri, membri dell'associazione “Vico e Vicarielli”.

La Prof.ssa Maria Nappi delegata Unicef riferisce che dopo il grande successo della festa dei nonni lo scorso 4 ottobre all'I.C. “ Costantini” di San Paolo Bel Sito i nonni hanno abbracciato anche loro la causa dell'Unicef. La causa di quest'anno è quella di proteggere i bambini e gli adolescenti che arrivano in Italia, mandati da soli o accompagnati, ma che molto spesso nei viaggi i genitori, nonni o un qualsiasi parente viene a mancare. Sono i cosidetti “Bambini Sperduti”. Vengono in Italia per sfuggire alla guerra, alla violenza e alla povertà. Al di là dei colori politici, degli schieramenti deve prevalere l'interesse per i bambini, perché ogni bambino ha la sua dignità, le sue potenzialità che può sviluppare solo dandogli pari opportunità. Molto spesso questi ragazzi durante il viaggio subiscono abusi sessuali, violenze, stress di ogni tipo e talvolta in Italia finiscono in mani sbagliate. Proprio per questo l'Unicef interviene per la difesa dei minori, accogliendoli in strutture adeguate. Conclude la Prof.ssa Nappi che se vogliamo un mondo migliore dobbiamo formare bambini e ragazzi equilibrati, istruiti, che hanno la capacità di inserirsi nella società.

 

di Lisa Carmen Tarantino

Ricerca / Colonna destra





ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


ARTICOLI PIU' LETTI DEL MESE

Ambiente e salute

Aperta-mente

Nuove tecnologie

Gastronomia